Just a Slow Traveler

15 motivi per aggiornare un travel blog in lockdown

Sommario

Questo difficilissimo anno che abbiamo trascorso in casa ha fatto riflettere un po’ tutti. Ci ha visti disperati e spaventati. Ci ha imposto una dura prova, al di là di ogni immaginazione o previsione, ci ha frastornati e messi anche in pericolo. Dall’altro lato però l’incertezza, l’attenzione e la paura che hanno caratterizzato i lunghi mesi precedenti ci hanno anche permesso di scoprirci più resilienti di quanto pensassimo.

Il travel blog in lockdown

Quando in pieno lockdown abbiamo deciso di partire con il nostro travel blog, alcuni ci hanno guardati perplessi. Ma dove pensavamo di andare e cosa pensavamo di fare per curare il nostro progetto? L’idea del blog era già ben fissa ed organizzata nelle nostre teste da molto prima della pandemia e niente e nessuno ci avrebbe fermati.

Anzi, ad essere sinceri, in qualche modo ci ha stimolati e convinti a partire il più velocemente possibile. L’unico punto ben fermo nella nostra organizzazione stava nel fatto che avremmo dovuto adeguare le notizie e i consigli da condividere con il nostro pubblico al momento storico che stavamo attraversando.

Per noi è così iniziato un nuovo viaggio, diverso dai soliti nella pratica ma ben saldo alle nostre convinzioni e bisogni.

15 motivi per aggiornare un travel blog

Siccome il blog è partito liscio come l’olio, oggi siamo qui ad elencare 15 motivi per i quali curare un travel blog in pieno lockdown non è per niente assurdo, avendo anche il piacere di presentarvi, assieme alle motivazioni, anche alcuni scorci e tesori della nostra regione: il Piemonte.

Sostenere il turismo

Si può tranquillamente scrivere di viaggi e lifestyle anche senza andare troppo in giro per il mondo. Anzi, chi è appassionato di viaggi e vita, ha il dovere morale di continuare ad elencare ogni bellezza che c’è fuori, incoraggiare il movimento, favorire la voglia di esplorare e soprattutto promuovere e dare un nuovo impulso al turismo nazionale.

Viaggiare

Non importa dove si viaggia, importa che si continui a farlo. Mai come oggi è possibile ammirare tutto il patrimonio, naturale, storico, culturale e gastronomico magnifico che ci circonda, con occhi diversi, più maturi e attenti.

Sponsorizzare la propria regione

Durante il lockdown abbiamo comunque l’opportunità di visitare in lungo e in largo la nostra regione. Forse ci sono posti di casa nostra che abbiamo già visto mille volte quindi adesso è il momento giusto per guardarli con altri occhi, oppure approfittare dell’offerta più ristretta per orientarci verso ciò che pur essendo vicino e scontato non abbiamo mai preso in considerazione proprio per il fatto che è sempre stato a portata di mano.

Tramite i contenuti del blog possiamo mostrare tanto di noi e delle nostre zone a chi non le conosce appieno. Io, ad esempio, adoro mostrare paesaggi e panorami delle Langhe. Tipo la vista che si gode da questa splendida trattoria che domina le vigne dalle colline di Diano d’Alba, in provincia di Cuneo.

Stessi luoghi punti di vista diversi

Prima che ogni luogo della terra venga esplorato e raccontato ci vorrà ancora molto tempo e, considerato che ogni occhio e ogni punto di vista è diverso, immaginiamo quanti luoghi inesplorati ci sono ancora, quante piccole sfaccettature ci possono essere in ogni chilometro da percorrere e in ogni metro quadro da visitare per poterli poi raccontare agli altri.

Continuare a scrivere

Dedicato a chi ama la scrittura come mezzo di comunicazione. Scrivere rilassa, distende, aiuta a stare bene con sé stessi. Il blog è lo spazio giusto per far vorticare la fantasia, dove viaggiare con occhi, mente e cuore, coltivare l’informazione e promuovere la cultura.

Il bisogno di evadere

Chi ha viaggiato tanto forse starà fremendo all’idea di non poterlo fare come prima, e quindi un blog è ottimo antistress sul quale rivivere i momenti passati, condividendoli con chi sta leggendo. Un do ut des gratuito senza paragoni in grado di favorire la circolazione delle emozioni e delle sensazioni.

Progettare in gruppo

Portare avanti un progetto insieme a chi condivide una certa passione, è bellissimo. Che sia famiglia, gruppo di lavoro o gruppo di amici, sfidare le situazioni e portare avanti un progetto è sempre una sfida coinvolgente che permetterà una crescita personale ma anche una possibile opportunità lavorativa.

Messa in gioco

L’impegno da dedicare ad ogni progetto è grande, ma permette di mettersi in gioco e misurarsi con le nostre capacità. Raccontare di viaggi ed esperienze in un momento dove è difficilissimo che chi legge possa replicare l’avventura in tempi brevi, è molto complicato. Non si deve cadere nel banale, bisogna essere originali e riuscire a creare interesse verso luoghi che per chi scrive sono abituali: la posta in gioco si fa alta, quindi viene richiesto un impegno importante per poter creare contenuti di buona qualità,

Il web è grande

E questa è la buona notizia in quanto lo spazio c’è per tutti, i contenuti caricabili sono innumerevoli e la possibilità di moltiplicare le informazioni è grandissima. Immaginiamo un attimo se ognuno scrivesse contenuti per tutti i luoghi che conosce, anche i più piccoli o sconosciuti. Ecco che ogni spazio della terra sarebbe esplorato anche nei minimi particolari. Dove non arriva uno possono arrivare tutti gli altri,

Studio e aggiornamento continuo

Sono due sostantivi fondamentali, pilastri della cultura e dell’informazione. In un periodo come quello attuale niente è più importante del restare aggiornati. Lo studio diventa parte integrante del lavoro di chi vuole presentare un luogo e la sua storia nel migliore dei modi e per lasciare un dono a chi legge.

Fotografia

Sarà solo una nostra sensazione particolare, ma in questo periodo le fotografie vengono particolarmente bene anche senza essere ritoccate. I dettagli catturano l’attenzione di chi guarda, particolari che prima non si vedevano o che non si presentavano particolarmente importanti, adesso sono lo specchio di un borgo, di una paese, di una castello, di una montagna.

Osare

Originalità, fantasia, creatività e genuinità saranno le keywords fondamentali per un travel blog in piena pandemia. Non piacerà a tutti quello che si scriverà, ma a qualcuno sì. Pubblicare contenuti allo scopo di allietare e stimolare il pubblico è uno degli obiettivi principali di un blogger.

Rispetto per chi legge

Essere onesti è fondamentale per intraprendere un percorso corretto, leale e franco con il pubblico. Viaggiare non è più una prerogativa di pochi eletti e anche in questo momento di crisi chiunque nel proprio piccolo sogna di ripartire, ognuno con il proprio stile. Scrivere un bel blog oggi vuol dire raccontare la realtà, cercando di essere di qualche utilità agli altri, qualunque siano le loro necessità ma anche possibilità.

Traguardo personale

Oggettivamente vedere il proprio progetto prendere vita sul web e attirare anche l’interesse dei lettori, è un bel traguardo personale, soprattutto se si sta facendo di tutto per raccontare in modo umile e genuino la propria esperienza, seguendo il proprio sogno.

Il piacere di farlo

Ultimo ma solo in elenco, il solo pensare e organizzare una cosa che si desidera fare è una bella iniezione di energia positiva e felicità.

Aggiornare il travel blog in lockdown

A questo punto, dopo aver fatto un excursus sulle motivazioni che possono spingere ad iniziare un travel blog in un periodo teso e che soffia contrario ai viaggi e al turismo, non possiamo che augurarci che quanto esposto, aggiunto alle altre motivazioni che ognuno può avere, serva per spingere a leggere i travel blog, soprattutto quelli nuovi, per prospettare loro un futuro felice e di successo, per aiutare e consigliare i lettori che avranno piacere di leggere i contenuti a loro destinati e per favorire una buona ripresa del turismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *