Just a Slow Traveler

Il mascaret

Sommario

Saint-Pardon è un piccolo paese del dipartimento della Gironda in Francia. Situato sulle rive della Dordogna, se nel suo complesso, pur essendo un paese molto grazioso come ce ne sono moltissimi in Francia, potrebbe forse passare un po’ inosservato, in realtà è un luogo che custodisce un prezioso e raro prodigio. Che in alcuni momenti dell’anno gli dona un fascino ancora più ineguagliabile.

Il mascaret

E’ proprio qui, infatti, che un fenomeno del tutto naturale crea un’insolita onda di marea che prende il nome di mascaret. Si tratta di un’onda di marea che penetra e risale lungo i fiumi stessi che ne sono soggetti. Semplificando il fenomeno, esso si manifesta quando durante un’alta marea, il livello dell’acqua del mare si alza alla foce del fiume e si riversa dentro allo stesso.

Si creano così una successione di onde di ritorno che si propagano a monte. Ecco allora che si vede arrivare da valle, una massa di acqua ad altezza variabile che risale il fiume ad una velocità piuttosto sostenuta. A seconda del fondo del fiume, il mascaret avanza da 10 a 20 Km orari, a volte anche di più, e l’onda può raggiungere anche i 2 metri di altezza.

Non c’è una costanza nel suo fluire: a seconda del fondale il treno di onde si diffonde sulla superficie dell’acqua appiattendosi per poi infrangersi o gorgogliare, sparire e ritornare in un movimento continuo. Nei punti dove l’acqua è più bassa la si vede rovesciarsi sul davanti, mentre dove è più profonda corre liscia per molte centinaia di metri.

Il mascaret: dove osservare il fenomeno

ll mascaret è un fenomeno spettacolare e si può osservare in diverse parti del mondo, ma in Francia a Saint-Pardon è particolarmente apprezzabile, e raduna ogni anno gli amanti del surf e degli altri sport sull’acqua che possono scivolare e surfare su questo treno di onde.

Ma non solo. Perché il fenomeno è atteso anche da chi vuole solo osservarlo, dai fotografi e dagli amanti della natura. Tra gli altri posti nel mondo dove si può osservare per esempio, è anche sulla Senna, sulla Garonna, sulla Severn in Inghilterra, sull’Elba in Germania.

Una delle caratteristiche che accomuna tutti questi fiumi è il fatto che sfociano ad estuario, quindi ad imbuto.

Il fascino dell’onda contraria

Il fascino del fenomeno non si avverte solo nel momento in cui si manifesta, ma anche nelle ore precedenti. Quando gli appassionati e i curiosi da tutto il mondo arrivano piano piano, ognuno con il suo obiettivo, si appostano sulla riva del fiume e attendono con pazienza l’arrivo del mascaret.

L’attesa accomuna tutti gli spettatori e quando inizia gli animi si accendono, gli sportivi si gettano nel fiume ognuno con il suo mezzo per solcare l’acqua, cellulari e apparecchi fotografici iniziano a scattare e i videomaker a filmare: tutti osservano e restano meravigliati ed increduli di fronte al corso del fiume che inizia a cambiare rotta e a tornare indietro e si inizia ad immaginare per quanti chilometri risalirà.

La durata è variabile tanto quanto il suo manifestarsi, e al termine tutto ritorna tranquillo ma resta negli occhi e nella mente di ognuno la meraviglia di questo momento così naturale e così inconsueto.

Gli effetti del mascaret

Questo potente fenomeno porta con sé anche qualche risvolto negativo, come ad esempio i danni da erosione delle rive e qualche inondazione.

In alcune parti del mondo il mascaret è molto pericoloso per la navigazione, in quanto riesce a creare onde alte anche 5 o 6 metri, come ad esempio nel Rio delle Amazzoni.

In base alle maree, quindi, posti piccoli come Saint-Pardon devono convivere con l’arrivo di moltissime persone. E se questo da un lato ne favorisce anche l’economia, da un altro può recare dei disagi. Per permettere una pacifica convivenza con i residenti del posto e regolare gli accessi vengono posizionate barriere nella zona di discesa al fiume, al porto, e tutto viene regolamentato grazie ad informazioni il più dettagliate possibili.

Consigli

Il momento migliore per recarsi a Saint-Pardon è tra agosto e settembre quando il fiume è più basso, e quando ci sono grandi maree.

Conviene cercare la tabella annuale che indica precisamente i giorni e le ore dove il fenomeno sarà meglio apprezzabile, tenendo conto che si manifestano due mascaret al giorno e non tutti così apprezzabili.

Tra i siti dove informarsi provate Caruso33-Destination Gironde oppure Site officiel del la Mairie de Vayres.

Oltre agli orari necessari per assistere al fenomeno, ci sono tutta una serie di informazioni per scoprire questo meraviglioso dipartimento della Nuova Acquitania francese, bagnato ad ovest dall’Oceano Atlantico.

Altre esperienze francesi

Côtes d’Armor in inverno

Costa Azzurra in bici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *